DonGionni
 

un viaggio lungo un mondo

Un uomo slanciato, giovane e con un sorriso rivolto al mondo, cercò di scrollarsi da dosso le gocce della pioggia e prese posto dal lato del finestrino di una corriera bianca e blu che era ferma al capolinea in Piazza Santa Maria Novella...

La corriera arrivò alla sua fermata. Pioveva anche lì. Sotto l’acqua sul ciglio della strada vide una quindicina di ragazzi e giovanotti, guardavano all’interno della corriera cercando di riconoscere qualcuno che aspettavano, evidentemente. L’uomo dall’interno della corriera li osservava, in un tempo sospeso, poi si rese conto che doveva scendere, prese la valigia e si avvicinò all’uscita...

Don Lorenzo salutò e strinse la mano a tutti. La pioggia, nonostante gli ombrelli, scorreva sulle mani, sui volti, sulla valigia che passava di mano in mano ai ragazzi. Pioveva così tanto che don Lorenzo pensò che il Signore voleva battezzarlo infinite volte mettendo a dura prova il suo fisico ma non il suo morale. Il corteo festoso e bagnato cominciò a salire verso la chiesa.

(Tratto dallo spettacolo teatrale Don Milani un viaggio lungo un mondo)

Don Milani

con il patrocinio di Regione Toscana, Comuni di Calenzano e Vicchio

"Un viaggio lungo un mondo"
"Un viaggio lungo un mondo"